Inconsapevole

Ci sono persone estremamente inconsapevoli.

Semplicemente non si rendono conto, non sanno compiere una minima analisi – e autoanalisi – del loro ruolo in una situazione, del loro comportamento, inoltre sono totalmente privi di sensibilità ed empatia.

Direi che sono rimasti a uno stadio infantile. Vogliono il biberon, il ciuccio, essere presi in braccio. Essere sempre accuditi, senza dare nulla in cambio. Tutte le cure e attenzioni devono essere su di loro.

In realtà sono persone adulte, anche discretamente intelligenti, ma mancano in modo completo di intelligenza emotiva.

Possono essere persone che rivestono socialmente ruoli importanti. Ma poi, nella vita privata, non sanno agire comprendendo cosa è opportuno e bene fare, al di là dei propri infantili desideri e voglie. Tutto ruota intorno al loro ombelico.

Hanno sonno? Se ne infischiano completamente del fatto che arrivano ospiti e sarebbe opportuno prepararsi, preparare l’accoglienza. Non solo non si alzano dal letto, ma obbligano anche te a stare accanto.

Tu ripeti con voce dolce: Guarda che è bene alzarsi, tra mezz’ora abbiamo ospiti.

Niente da fare. Così il campanello suona, ci si precipita a vestirsi per aprire, ma gli ospiti se ne sono già andati.

Un esempio stupido, ma esemplificativo di come le persone inconsapevoli, alla fine, non hanno rispetto perché non hanno sensibilità verso gli altri. Se ne infischiano.

Non comprendono che c’è un tempo opportuno per fare ogni cosa.

Non comprendono quando è il caso di non chiedere.

Quando è il caso di ringraziare.

Quando è il caso di chiedere scusa.

Non hanno tatto.

Non comprendono tutto quello che gli altri fanno per loro.

Sono come neonati in perenne ricerca del soddisfacimento dei propri primari bisogni.

Non sono persone ” cattive”: non fanno volontariamente del male, non comprendono – perché non ne hanno coscienza – neppure il male che involontariamente fanno.

Stare con loro è estremamente faticoso. Non puoi aspettarti niente perché non sanno fare gesti di puro amore. Non sanno capire. Non provano com- passione. Non intuiscono il tuo stato d’animo. Non pensano a te.

Stamattina ho aspettato un essere così per un’ora e mezza. Invece di scusarsi sapete cos’ha detto? Beh: eri al lago cosa cambiava se io c’ero o non c’ero?

No comment.

Annunci

10 commenti Aggiungi il tuo

    1. elettasenso ha detto:

      Sei troppo forte Ale 🐞🐞🐞

      Piace a 1 persona

  1. attornoallago ha detto:

    Se non cambia niente tanto vale che non ci sia…

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Sto ingaggiando una furiosa lotta invece per stare, anche se tutto mi direbbe di andare. Semplicemente osservo e qui condivido anche le mie private riflessioni. Non sempre tutto splende, ma io sono tosta. 🐞

      Piace a 1 persona

      1. attornoallago ha detto:

        Devi scusare il commento criptico. Intendevo dire che a una dichiarazione del genere a me sarebbe venuto da rispondergli così… Più che altro per provocazione. ☺

        Piace a 1 persona

      2. elettasenso ha detto:

        Non era criptico. Era normale. Di fronte a certe persone normalmente si fugge. A me piace capire e cercare di restare per modificare ( questa volta criptica sono io 😀 ) 🐞

        Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Nessuno certo. L’importante è essere consapevoli della nostra imperfezione

      Piace a 1 persona

      1. Paola Bortolani ha detto:

        Quella è già più dura

        Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...