Il gioco 

Quel giorno le avevano chiesto di inventare un gioco per lui.

Ma che gioco inventare per chi non sa giocare?

Andiamo nel bosco e giochiamo a nascondino? Improponibile. Eppure dieci anni addietro lei aveva giocato con un uomo a nascondino, così come fanno i bambini con quella eccitazione del nascondersi, non esserci, per poi riprendersi e ritrovarsi.

Giocare a rincorrersi sulle scale: io che fuggo sui gradini come una gazzella rincorsa dalla belva che cerca di agguantarmi: le dita protese a pizzicarmi il sedere e io che più fuggo, più rido e perdo le forze. Improponibile. Eppure anche questo era un gioco nella casa settecento con l’altro uomo.

Fare un percorso vita e giocare a chi riesce a stare più a lungo sull’asse di equilibrio? Fare una gara di stabilità in equilibrio. Rifarlo dieci volte, tenere il punteggio. Divertirsi anche per ogni caduta o vittoria. Improponibile ora.

Che gioco proporre a chi non sa giocare?

A chi non sa inventare modificare flettere la propria rigidità adulta per tornare un attimo bambino?

Spargere la casa di bigliettini come in una caccia al tesoro? Ogni bigliettino un indizio che porta all’ultima busta: apri e c’è scritto TI AMO.

Dare un orario preciso per chiedergli di entrare in camera e farsi trovare a letto agghindata nella maniera più sexi e provocante possibile? Ho riposto in cassetti tutto l’intimo di seta pizzi e giarrettiere perché lui non ama la donna vestita. Anche se a noi donne piace così tanto essere gradatamente svestite. Quindi anche questo gioco non è attuabile.

Non si può giocare con chi non sa giocare.

Non è possibile proporre un gioco a chi è staticamente immodificabile.

Il gioco prevede un mettersi in gioco. Un far finta che. Un movimento. Un uscire dal proprio stabile ruolo per immergersi in un tempo ludico senza freni e regole.

Giochiamo a nasconderci sorprenderci svestirci legarci scioglierci scriverci svelarci mangiucchiarci morderci chiuderci aprirci colorarci mascherarci perderci ritrovarci sognarci

Giochiamo a far finta che

Annunci

14 commenti Aggiungi il tuo

    1. elettasenso ha detto:

      Magari sì. Sempre bello giocare. ⭐

      Mi piace

      1. iomemedesimostesso ha detto:

        Io oggettivamente sarei felice di trovare, con il massimo rispetto, una compagna di giochi fini a se stessi… ne parlo nel blog… ma niente..

        Piace a 1 persona

      2. elettasenso ha detto:

        Accidenti. Non è così semplice trovare chi vuol giocare 😜

        Mi piace

      3. iomemedesimostesso ha detto:

        Nel caso, fatti viva, telegram ce l’ho, anche solo per parlare….

        Piace a 1 persona

  1. Transit ha detto:

    Anche se a noi donne piace così tanto essere gradatamente svestite.

    E’ tutto qui il gioco e il mettersi in gioco: chiaramente, oscuramente, sofficemente, in tutti i sensi. Giocare è scoprirsi alla vita; i cuccioli di animali e quelli umani non fanno altro che questo per imparare a simulare e apprendere con finti artigli e scaramucce la vita dentro e fuori, ma il fuori è sempre un dentro. Il dentro deve manifestarsi più di ciò che sta fuori.

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Bel commento e riflessione. Grazie Transit buon pomeriggio 😜

      Mi piace

      1. Transit ha detto:

        Grazie. Buona serata anche a te. Ciao.

        Piace a 1 persona

  2. nerodavideazzurro ha detto:

    Non so, Eletta. C’è chi inizia a parlare di “contesti” quasi fossero monoliti hegeliani e ti spegne la fantasia. Quindi la domanda è: chi sa giocare cosa fa in sti casi?

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Ci si adatta sempre e comunque nel gioco all’altro o agli altri giocatori. L’importante è, come dici tu, non spegnere la fantasia che è il motore del gioco. Grazie del pensiero ☺ buon pomeriggio

      Piace a 1 persona

  3. tramedipensieri ha detto:

    Certo è che non si può giocare da soli….

    Piace a 2 people

  4. Paola ha detto:

    chi non sa giocare, chi non si mette in gioco, ha molte insicurezze

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Anche per me è così. Il gioco è dei forti. Anche l’ironia e non prendersi troppo sul serio.

      Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...