Il Maestro

Il Maestro aveva bisogno di corpi. Doveva dipingere una grande tela che sarebbe finita in una sala di un palazzo storico comunale. Voleva corpi nudi stesi per terra a creare un groviglio. Eva aveva già posato nel suo studio, ma da sola. Le chiedeva solo di stare in piedi nuda con delle scarpe rosse col tacco. Nulla di più.

A Eva piaceva compiacerlo perché amava il Maestro e i suoi lisci capelli che gli cadevano sempre sugli occhi freddi. Lo amava anche per la pelle morbida e bianchissima. Aveva un bel corpo il Maestro.

Quella sera non sapeva cosa sarebbe accaduto.

Le aveva detto solo : – Vieni a posare.

Poi erano arrivati tutti gli altri. Uomini e donne. Ragazzi e ragazze. In tutto erano una decina. Sul posto c’erano degli spot e poi ombra. Verticale la tela.

– Dovete mettervi per terra, distesi, uno accanto all’altro, come se tra voi ci fosse desiderio.

Eva era capitata fra due corpi maschili. Non riusciva a toccarli e non desiderava essere toccata. Il Maestro allora prendeva un braccio dell’uomo e lo appoggiava sulla spalla di Eva. Poi le diceva cosa fare: come mettersi e cosa toccare.

Così il Maestro aveva fatto per tutti, passando tra i corpi stesi a terra. Come fossero manichini tra le sue mani.

Ma non c’era pathos. Solo finzione scenica e freddo.

Il Maestro guardava. Metteva a posto, ma proprio non funzionava. Sulla tela non aveva ancora tracciato un segno. Se desiderava la passione, la passione quella sera non scaturiva. Forse sarebbe bastato che un uomo o una donna avessero dato il la. Ma nessuno si muoveva. Nessun corpo si accendeva.

Così, quella sera, la tela rimase bianca. Tutti si rivestirono stancamente e se ne andarono: ciascuno per la sua strada.

Annunci

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. rodixidor ha detto:

    Senza passione l’arte non crea. Ho capito bene il tuo messaggio?

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Questa storia breve può contenere il messaggio che tu hai visto in trasparenza. Tra l’altro davvero un bel messaggio. Grazie ⭐

      Mi piace

  2. Neda ha detto:

    La passione può essere scatenata dal mistero che nasconde il corpo, come la sorpresa nell’uovo di pasqua, quando rompi l’uovo spesso c’è la delusione.
    In un campo di nudisti, non c’è mai (o quasi mai) passione.

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Hai veramente ragione Neda: bella riflessione. Grazie 🌷🌷🌷

      Piace a 1 persona

  3. Giuliana ha detto:

    Il sentimento muove anima e corpo, se non c’è ogni cosa rimane immobile

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Completamente d’accordo cara Giuliana. Il sentimento ci differenzia dai manichini. Buona serata a te 🌼🌼🌼

      Mi piace

      1. Giuliana ha detto:

        Buona serata a te ❤

        Piace a 1 persona

  4. Paola ha detto:

    Senza passione, e come può esserci passione in una situazione costruita, modellata da altri?

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Non è possibile. La passione nasce dentro. Buona giornata Paola 🌷⭐🌷

      Piace a 1 persona

  5. massimolegnani ha detto:

    I Maestri, gente pericolosa, manipolatrice.
    ml

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Proprio così: finché trovano persone che si fanno sedurre. Normalmente le trovano perché i Maestri sono seducenti. 😀😬 buona giornata caro

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...