Il bigliettino 


Alzando il telo démodée, nel polveroso salotto, ritrovò in un angolo d’ombra un vecchio bigliettino sfuggito dalle grinfie cartacee delle pagine di un libro che aveva riposto prima.

Gli steli bluastri di una scrittura composta e verticale riportava poche parole: 

Alla mia principessa 

dal suo principe 

Richiuse nella serica veste crepitante della bianca busta il bigliettino amoroso.

Guardò fuori dalle imposte la strada chiazzata dall’ultimo sole novembrino.

La prese, come sempre, una malevola perplessità: ogni tanto prendevano vita questi cadaveri calligrafici come revenant. Uscivano fuori all’improvviso da ogni dove continuamente.

Come comparivano – in una nera dissolvenza – così sparivano, ridotti in minuscoli frammenti e gettati bruciati eliminati.

Così anche in quella imbronciata giornata – sfiorata da un ultimo ventaglio di gialla luce – anche quell’ultimo revenant chiuso nella sua leggera bara cartacea finì in piccoli pezzi che poi volteggiarono giù dal balcone del terzo piano sul prato smeraldo del giardino, e si adagiarono come leggeri fiocchi di neve. 

Annunci

12 commenti Aggiungi il tuo

  1. m&m ha detto:

    un ricordo che fa male

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Proprio così. Ci sono persone che trattengono, tengono il passato anche se malevolo. Io cancello, strappo, elimino.
      Grazie del contributo
      Eletta

      Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      No, non manent 😊

      Mi piace

      1. rodixidor ha detto:

        Volant via come neve al vento 🙂

        Piace a 1 persona

      2. elettasenso ha detto:

        Esatto 😀😀😀

        Mi piace

  2. dimaco ha detto:

    Uhm… Non sono d’accordo…
    Come intuibile, io sono un accumulatore seriale di ricordi.
    Anche se già immagino che quel baule finirà dal rigattiere, o in un camino.
    O i prodigi del riciclo della differenziata li condurranno ad accarezzare qualche gluteo.

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      C’è chi trattiene e chi no.
      Eletta

      Piace a 1 persona

  3. massimolegnani ha detto:

    solitamente, arrivati a un certo punto si volta pagina.
    tu invece la strappi e sminuzzi 🙂
    ml

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Eh già! È perché i morti ritornano in vita avendo disseminato la mia libreria di bigliettini 😕😕😕
      Un abbraccio

      Mi piace

  4. Transit ha detto:

    I ricordi sono i libri che non scriviamo mai. Frequentano il vento e le onde del mare. li riconosci quando sono accoccolati e chiamandoli come si fa con i gatti, spuntano fuori per farsi accarezzare timidamente. I ricordi si nascondono, pare che abbiano sempre da fare. I ricordi hanno le facce di bambini e dei sogni, persino quelli che hai lasciato nel porto dell’anima. I ricordi sono invisibili e implacabili come essenza del cuore. E ventosi.

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      I ricordi rimangono acquattati nella stanza segreta.
      Buona giornata caro
      Eletta

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...