Il Maestro 

L’uomo getta un’ombra sulla parete ocra. Guardo il suo corpo coperto da morbidi stracci. Quell’ombra ogni volta mi rapisce. Vorrei fissarla con uno spillo come una farfalla, oltrepassarla capirla.

La musica si inceppa. Mi piaceva tanto quel ritmo che mi faceva oscillare: le gambe chiuse al petto, basculando sul bacino. Mi cullavo… mi ninnavo…

Vorrei alzarmi a dare un colpo all’apparecchio. La musica, quella musica, mi piaceva tanto. Lui, il santo-l’asceta-il guru- il Maestro non fa un movimento mentre il suono, ossessivo, si ripete. Pare non sentire il fastidio del rumore. 

Poi si alza. Ferma quella musica che mi piaceva tanto: mi dava sollievo. 

Ora c’è silenzio. Marmoreo silenzio.

A sinistra le donne. Una respira come se facesse l’amore: ansimi continui. Mi infastidisce con quei respiri da ossessa. Si può respirare con decoro ed eleganza. Non lei: oscenamente esposta – come se fosse in camera da letto e un lui la stesse prendendo.

Nessuno parla. Non si comunica mai tra noi. Solo il Maestro spiega. Lui ha il Verbo. L’insegnamento. La Parola.
Parla con un linguaggio forbito. Sceglie le parole più inusuali, le sceglie dal mazzo recidendo le rose fresche. L’Atman. Il sé. Il soffio vitale. Io non sono più io. Il tempo. Lo spazio. Ci spiega. Ci indottrina. Ci illumina.
Le gambe tremano, le braccia tremano, il petto vibra. Si sta chiusi nel respiro. Isolati nella posizione. Dentro la tensione del corpo.
È solo nello sciogliere la torsione più acuta che l’uomo mi guarda fisso. Lo guardo fisso. La sua smorfia mi racconta il dolore, lo sforzo, la fatica. Ma, subito, torna l’ombra sulla parete ocra.
Me ne vado. Quasi fuggo al termine della celebrazione, il velo mi è scivolato sui capelli scomposti.

Il Maestro mi chiama. Risuona il mio nome nella stanza acquatica. Mi deve dare la ricevuta. Ricevo quel che devo ricevere, un anonimo pezzo di carta, e vado. Lascio, dietro di me, il chiuso dell’odore d’incenso.

Annunci

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. rodixidor ha detto:

    e l’IVA al 20% (che fa quasi rima)

    Piace a 1 persona

  2. marcello comitini ha detto:

    Una spiritualità che s’incarna, una carne che s’incanta della spiritualità. E tutto senza mai perdere il contatto con i limiti del tempo e delle circostanze.

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Infatti, l’occhio osservante: sempre.
      Ciao Marcel
      🌹

      Mi piace

  3. rodixidor ha detto:

    parli di una ricevuta, ho immaginato una fattura per il rito officiato.

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Ah, come sempre scrivo di getto e non rileggo, quindi non capivo il nesso.

      Mi piace

    1. elettasenso ha detto:

      Sinteticamente efficace 😀

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...