L’uomo volgare 

Faceva penetrare l’ago nell’esatto punto. Con precisione fulminea.

Un battito di ciglia. Un riflesso nel vetro, l’aereo che passa. Rombo.

Osservava la rovinosa caduta. Era precipitato il teatrino, l’altarino con le piccole statuette. I ceri e gli ex voto. Tutto era rotolato nel fitto nero della pupilla.

L’uomo volgare la pensava stupida. Portava cesti pieni di fiori e ori luccicanti. Mirava agli occhi credendo di toccarla al cuore.

L’uomo volgare era un essere semplice. Non poteva prevedere la deviazione. L’intuizione non appartiene allo strato dei superbi.

Troppo pesante la loro ombra perché filtri un raggio di luce. Così bastava un gesto felino per stenderli a terra, servire sul suolo la vendetta acerba. Una zampata e l’uomo volgare cadeva. Calava il sipario sul suo ego laccato.

( Immagine grafica dell’autrice )

Annunci

2 commenti Aggiungi il tuo

  1. massimolegnani ha detto:

    Indubbiamente quest’uomo era superbo, insensibile, egocentrico. Ma mi sfugge la sua volgarita’
    ml

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      In effetti dev’essere una mia percezione: la superbia, l’insensibilità e l’egocentrismo non appartengono all’uomo raffinato. Un contadino può essere raffinato e un ricco signore volgare. Non c’entra la derivazione dal volgo. Solo una questione di intelligenza in senso pieno.
      Sempre interessanti e acute le tue osservazioni.
      Buona serata
      Eletta

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...