Barbablù

Girovaga, ho sempre amato avere più case e giacigli. Mi piace portare una sacca e essere transitoria.

Ho abitato in una casa con tre pianoforti e le spesse tende di velluto. L’orco tornava la sera dopo i giri in centro e io gli facevo trovare il piatto pronto. Avevo un seno esuberante e sodo, ma non lo sapevo.

L’altra casa aveva un parco che scendeva al lago; nel piano superiore, nell’ala sinistra, c’era la camera padronale con uno studio antistante con un magnifico camino: lì l’uomo dalla barba blu e gli occhi verdi mi fece vedere le fotografie di Hong Kong. In una delle camere degli ospiti, nell’ala destra, c’era un baule con i vestiti della moglie che aveva sposato a Londra. Barbablù aveva mogli ovunque. Teneva in mano le chiavi.

Una delle sue donne un giorno arrivò e la nascosi dietro le tende spesse di velluto, in modo che sentisse senza essere vista. Barbablù non fece una piega quando lei apparve palesandosi. Dormimmo tutti in quella casa la notte. Io presi una delle camere degli ospiti. Li sentii parlare fino a tarda notte. La mattina la donna era scomparsa. La cercai dietro le tende, ma non c’era.

Annunci

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Neda ha detto:

    Bel racconto, gradevole e elegante.

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Grazie. Barbablù é morto.
      Buona serata
      😜

      Piace a 1 persona

  2. dimaco ha detto:

    M viene difficile immaginarti infiocchettata e/o al guinzaglio e/o a disposizione.

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Col tempo si cambia, anche se la mia anima è sempre stata inquieta e ambivalente. Mai al guinzaglio, comunque.

      Piace a 1 persona

  3. Sarino ha detto:

    beh, un racconto crudo e rude. Barbablù è morto? Lo spero vivamente

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Poverino. Pace alla sua anima. 😀 Buona serata

      Piace a 1 persona

  4. massimolegnani ha detto:

    questi sono i tuoi brani che preferisco, trasposizioni in favola di dettagli personali.
    brava!
    ml

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Come sei gentile. Mi piace avere distanza da esperienze vissute. Per me è naturale ” vedermi ” recitare come se fosse un’altra storia. E naturalmente, aggiungere un po’ di ironia.
      Ne ho appena scritto uno che mi fa molto ridere.
      Buon pomeriggio
      Eletta

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...