La stordita 

La povera stordita

– stanotte l’ho proprio udita –
ricamava i suoi grovigli

annodava i fili e i resti 

aggiustava i 

rimasugli della vita

con le sue nodose dita.
Con le penne e i pennini

disegnava folte criniere

a diverse fiere nere

dipingeva

qualche pinna e lucente squama

ai guizzanti pesce rana.

Di-segnava nella selva 

tremila fili di capelli selvaggi:

fili d’erba e scarafaggi

fiati d’eremitaggi  

e scalpi di vecchi saggi.

Annunci

5 commenti Aggiungi il tuo

  1. Aria di Bosco ha detto:

    Se sapessi disegnare, questa poesia la figurerei con me stesso , sveglio steso sul mio letto che spargo pensiero ovunque, ma che inesorabilmente mi cadono addosso

    Ok! Prenoto un paio di sedute dallo psicologo 😎

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Siamo infatti tutti un po’ storditi ogni tanto 😜
      Grazie del simpatico contributo
      Eletta

      Mi piace

  2. Elena Ferro ha detto:

    Ma che bella filastrocca!

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Tanto per alleggerire ciao cara buona giornata
      🐞

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...