Individuazione e individualità 

Ieri discutevo con un amico del gregge: quella massa omogenea e statica che continua a lamentarsi, ma non fa nulla per modificare le situazioni. Nell’ambiente lavorativo sono personaggi pronti ad abbassare il capo fino a leccare le scarpe al capo, per poi lamentarsi all’infinito quando il superiore esce dal campo visivo. Ricordo un corso in cui la relatrice ha affrontato il tema leadership: nessuno ha fiatato a domande precise. Non ho mai avuto particolare stima di persone siffatte. Se c’è un problema si affronta il problema.

Il mio problema è – se mai – il contrario. Io non riesco a tacere, fingere, non dire. In famiglia d’origine questo mio stile ha sempre comportato un notevole disturbo: mio fratello preferiva il quieto vivere e mia sorella preferiva tacere. Quindi tutte le situazioni conflittuali le creavo io. A differenza della famiglia pubblicitaria del Mulino Bianco tutti sanno che vivere in famiglia non è esattamente sempre rose e fiori, dolcetti e bacetti. 

Tra parentesi a me fa molto ridere la campagna del Buondì Motta. Quindi non sono tra quelli che si sono scandalizzati per la dissacrante morte della madre colpita da un asteroide. A me piacciono gli effetti a sorpresa e i paradossi. Ma, per tornare al tema, ciascuno non può fare a meno di essere quello che è. Io sono peculiarmente un insieme di caratteristiche totalmente mie. Diversa da ogni altro individuo esistente. Esattamente come voi siete unici e diversi da ogni altro.

Nel mio profilo di blogger ho voluto mettere una frase: La vita è un lungo processo di individuazione. 

Individuarsi significa diventare un essere singolo e, intendendo noi per individualità la nostra parte più intima, ultima, incomparabile e singolare peculiarità,diventare se stessi, attuare il proprio Sé. Individuazione potrebbe essere dunque tradotto anche con attuazione del proprio Sé o realizzazione del Sé”. 

C’è una profonda differenza tra il termine individuazione e individualità. Tra individualismo e individuazione.

L’ individualismo é un mettere intenzionalmente in rilievo le proprie presunte caratteristiche in contrasto coi riguardi e gli obblighi collettivi.

L’individuazione invece implica un migliore e più completo adempimento delle destinazioni collettive dell’uomo, poiché un’adeguata considerazione della singolarità dell’individuo favorisce una prestazione sociale migliore di quanto risulti se tale singolarità viene trascurata o repressa”.

Jung.

Al di là della Maschera che ci insegnano a portare sarebbe bene non soffocare quello che noi veramente siamo e liberarlo in un corretto rapporto di equilibrio con l’ambiente sociale in cui siamo inseriti dando il nostro quotidiano apporto per il bene comune. 


Annunci

13 commenti Aggiungi il tuo

  1. Transit ha detto:

    Sei una variabile … indipendente, non individualista: caspita. E l’occhio scoperto sta lì a dimostrare ciò che scrivi. La tua irreversibile personalità. E poi l’incipit del post è da libro.

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Sei davvero gentile, grazie 🐞 Eletta

      Mi piace

  2. Il_Pasolino ha detto:

    Bellissima riflessione!

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Grazie, buona giornata
      🐞 Eletta

      Mi piace

      1. Il_Pasolino ha detto:

        Buona giornata a te.

        Mi piace

  3. dimaco ha detto:

    OT – Grazie per il suggerimento: l’ho recepito.

    Piace a 1 persona

  4. Destinodilux ha detto:

    👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻👏🏻
    Totalmente concorde!!
    Bravissima!

    Piace a 1 persona

  5. massimolegnani ha detto:

    sì, sono unico, però assomiglio molto a tuo fratello
    (e ti avrei amabilmente strozzata con il suo aiuto all’innesco dell’ennesima discussione a tavola che mi mandava la cena di traverso)
    🙂
    ml

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Mi hai fatto molto ridere. Ti capisco. Però quando ci vuole, ci vuole 😀
      Ciao
      Eletta

      Mi piace

  6. E. ha detto:

    Sono con te! Il mio grande problema è che non riesco a tacere, però ormai ho imparato a non rinunciare a me stessa, dico tutto ma cerco di dirlo nel giusto modo per evitare conflitti.

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Eh sì: è un’arte dirlo nel modo giusto. Io non sempre riesco …
      Ciao grazie di essere passata
      Eletta

      Piace a 1 persona

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...