Ai piedi del Profeta

L’omino incontrato per caso l’altro giorno e di cui ho scritto soleva dire, nel suo delirio di grandezza, di essere un uomo ” formato “, compiuto: come se avesse già raggiunto il punto di perfezione. Era discepolo di un santone indiano di cui aveva l’immagine dei piedi appesa in camera. Aveva ricevuto la polverina magica e fatto periodi in India.

Ho un sacro terrore di persone siffatte, da quando ho avuto modo di conoscerle profondamente attraverso esperienze e frequentazioni. Cerco di evitare gli ” illuminati “, i ” guru”, i maestri spirituali o politici.

Jung, al riguardo scrive:

” Accanto alla possibilità di diventare profeta, ce n’è un’altra che promette gioie più sottili e in apparenza più legittime, quella cioè di diventare discepolo di un profeta. Per molta gente questa è una tecnica addirittura ideale.

Eccone i vantaggi. L’odium dignitatis, cioè l’ impegno sovrumano del profeta diventa un molto più dolce otium indignatis; ci si siede, modestamente indegni, ai piedi del Maestro e ci si guarda bene dall’avere pensieri propri.

La pigrizia mentale diventa virtù, ci si può riscaldare al sole di un essere almeno semidivino. L’arcaismo e l’infantilismo della fantasia inconscia sono soddisfatti senza che ci si rimetta del proprio, perché ogni obbligo è addossato al Maestro. Grazie alla sua divinizzazione ci si innalza senza nemmeno accorgersene e inoltre, senza averla scoperta, si riceve già pronta dalle mani del Maestro la grande verità “.

Per chi volesse approfondire: Carl G. Jung – Opere 7- Due testi di psicologia analitica – Bollati Boringhieri

Annunci

4 commenti Aggiungi il tuo

  1. dimaco ha detto:

    E invaghirsi di un bel nichilista ?

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Molto meglio. 😜😀

      Piace a 1 persona

  2. massimolegnani ha detto:

    .e il discepolo al solito è più intransigente, dogmatico, meno duttile del proprio maestro.
    ml

    Piace a 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Infatti 🌼🐞

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...