Elettra

Elettra aveva tagliato i capelli. Un taglio asimmetrico come il suo umore: metà su metà giù, asimmetrico come i suoi pensieri: metà tristi metà allegri.

La mattina si svegliava alle sei e quaranta e si metteva i vestiti che aveva ammonticchiato la sera prima sulla sedia in camera. Si vestiva si lavava si pettinava si truccava in uno stato perenne e vago da sonnambula. Poi saliva in macchina e andava alla sua caffetteria. Sceglieva sempre lo stesso tavolino. Le permetteva di vedere chi entrava, chi stava al banco e chi, come lei si sedeva. C’era un albanese che non le toglieva gli occhi di dosso. Era troppo addormentata per dargli peso. Non aveva ancora varcato la soglia della realtà, tutto nella sua mente era ovattato. Annebbiato. Latteo.

Un giorno arrivò un uomo che non aveva mai visto prima. La sbirciava dal banco. Elettra lo trovava carino. Sufficientemente carino per uscire dallo stato latteo e di sonnambulismo per affacciarsi con un piedino nella stanza della realtà.

Prese nota dei giorni in cui lui entrava a bere un caffè al banco. Un giorno sì e un giorno no.

Così, appollaiata sul suo sgabello turchese prese ad aspettarlo: un giorno sì e un giorno no. Forse fu lui a sorriderle e salutarla per primo al di là del banco. Forse fu un caso che un giorno uscirono insieme dalla caffetteria mentre la notte si colorava di alba caffelatte. Forse fu solo per sfacciataggine che lei gli fece la domanda più cretina che poteva venirle in mente alle sette e mezza di una mattina fredda invernale. Comunque gli chiese:

– Tu sei per caso il fratello del mio maestro di yoga?

Naturalmente non lo era. Ma da quella domanda rompighiaccio non si sa perché, nelle ore a cavallo tra il sonnambulismo e la realtà, Elettra si trovò un amante regale e reale.

Annunci

6 commenti Aggiungi il tuo

  1. massimolegnani ha detto:

    Da che ho iniziato a leggerti, o quasi, mi chiedevo quando sarebbe arrivata Elettra (tra l’altro un giorno sì e un altro pure mi capitava senza volerlo di aggiungere la erre al tuo nome!).
    Ecco, oggi è arrivata e non mi ha deluso, la più simpatica tra tutte le E. Sonnacchiosa e sfrontata come una gatta.
    🙂
    ml

    Liked by 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Grazie, Massimo alias Claudio. Adesso tocca a tutte le altre E. Speriamo bene.
      😜🐞
      Eletta

      Liked by 1 persona

      1. massimolegnani ha detto:

        ehm, alias carlo 🙂

        Liked by 1 persona

      2. elettasenso ha detto:

        Pardon 😜

        Mi piace

  2. rodixidor ha detto:

    E continuò a fare yoga, ma un giorno sì ed uno no …

    Liked by 1 persona

    1. elettasenso ha detto:

      Esatto
      Eletta 😜

      Mi piace

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...